VAL DI SUSISTAN

Dopo le missioni di guerra al soldo degli americani, Bosnia, Iraq, Afghanistan, Libano, Libia, inizia la stagione delle missioni militari al servizio della mafia del tondino e del cemento, e quale teatro potrebbe essere più consono ad inaugurarle, della Valsusa ribelle, dove i “talebani” NO TAV rifiutano il treno veloce , le gallerie scavate a dinamite e la didascalia del progresso?

Da domani, 150 alpini della Taurinense saliranno a Chiomonte, per liberare le donne valsusine dal burka della bandiera con il treno crociato, per bonificare il terreno dalle mine anti – talpa e per dare la caccia al Mullah Perino, accusato d’incitazione alla rivolta contro ruspe, talpe, contractors che le manovrano e poliziotti che ne proteggono l’operato…..

Una vacanza a Chiomonte, da vivere all’aria aperta, nel fortino della Maddalena, dove lo stato (volutamente con la minuscola) difende gli interessi del malaffare, i “cattivi” che dovrebbero albergare nelle patrie galere, si trasformano in buoni ed i “buoni” che difendono la propria terra e la legalità, sono additati in qualità di black block, talebani ecologisti e nemici della patria, che attende il TAV per rinascere dalla crisi economica, più forte e più bella di prima.
A volerla fotografare, la situazione presenta anche un suo lato comico, con le truppe di occupazione che arrivano a militarizzare in pianta stabile Chiomonte, come si trattasse di Kabul, con la consorteria del cemento che, come lo zio Sam, chiama l’esercito a difendere i propri interessi contro quelli della popolazione, con la “buona stampa” che adesso potrà diventare embedded a tempo pieno, facendo da portavoce ai comunicati dei generali, anzichè limitarsi a copiare le veline della questura.
Ma oltre a quello comico esiste anche il lato tragico, consistente nell’occupazione armata di un territorio, contro il volere dei cittadini, in faccia ai quali fino ad oggi si è ritenuto giusto sparare lacrimogeni al cs e domani non si sa che cosa. L’avvilente trattamento riservato ai valsusini, rinchiusi in una riserva dove le decisioni vengono calate dall’alto e messe in pratica per mezzo di truppe di occupazione, destinate a rimanere in loco per anni e anni.
E soprattutto quella sensazione di asfissia, data dalla consapevolezza di vivere in un territorio occupato, sotto controllo militare, un piccolo Afghanistan in miniatura alle porte di Torino, dove sei meno italiano degli altri e dove i diritti della persona possono da un momento all’altro sfumare in una dissolvenza. Altolà chi va là? Fermo o sparo!
Quanta tristezza e quanto squallore, in questa nuova “missione”, che fa il paio con l’orrore e la vergogna che contribuiamo a portare in giro per il mondo, sotto l’egida di una bandiera che non è la nostra.

Marco Cedolin

13.07.2011

http://ilcorrosivo.blogspot.com/2011/07/val-di-susistan.html

image