ripartono da Gaza le due navi di pacifisti

ripartono da Gaza le due navi di pacifisti – arrestato Jeff Halper

Ripartiranno domani (giovedi’) mattina per Cipro la Free Gaza e la Liberty, le due navi che sabato scorso, superando il blocco navale israeliano, hanno portato a Gaza 44 pacifisti di 16 Paesi. Lo ha comunicato oggi una portavoce dei pacifisti. La portavoce ha detto che le due imbarcazioni lasceranno entrambe Gaza per rientrare a Cipro. Ieri era stato comunicato che la Liberty sarebbe salpata per Cipro prima della Free Gaza. Non tutti i pacifisti pero’ prenderanno la via del mare. L’italiano Vittorio Arrigoni ha spiegato ad Apcom che assieme ad alcuni dei suoi compagni rimarra’ a Gaza ancora per diversi giorni, con l’intenzione di rientrare in Italia passando per Israele o per il territorio egiziano. La portavoce ha aggiunto che i pacifisti si attendono di essere fermati dalla Marina militare israeliana perche’ porteranno con loro una decina di studenti di Gaza che, iscritti presso universita’ straniere, non riescono a lasciare Gaza a causa delle restrizioni israeliane. Lo Stato ebraico oggi ha peraltro fatto sapere che nei prossimi giorni intende compiere manovre militari in acque internazionali vicine alle acque territoriali di Gaza.

La polizia israeliana ha dichiarato che ieri ha arrestato uno degli attivisti internazionali del Movimento Free Gaza, mentre rientrava in Israele attraverso il valico di Beit Hanoun “Eretz”, a nord della Striscia di Gaza. Si tratta di Jeff Halper, il famoso attivista pacifista israeliano che ha preso parte alla coraggiosa missione di rottura simbolica dell’assedio di Gaza. Jeff Halper è presidente della ICAHD – Israeli Committee against House demolition. La portavoce della polizia ha diramato la comunicazione dell’arresto: “Jeff Halper è stato arrestato al passaggio di Eretz, in quanto era sulla nave per rompere l’assedio ed è entrato nella Striscia di Gaza dal mare, violando le leggi israeliane. Ha anche violato quelle che vietano ai cittadini ebrei di entrare nella Striscia”. Halper è arrivato sabato pomeriggio nella Striscia di Gaza con il gruppo di 44 attivisti di 17 paesi membri della spedizione del Free Gaza. Ieri, il pacifista israeliano ha visitato il Centro palestinese per i diritti umani di Gaza e ha incontrato il direttore, l’avvocato Raji as-Surani, e il suo vice, Jaber Washah, che lo hanno informato sulla situazione dei diritti umani nella Striscia di Gaza e sulla drammatica situazione economica e umanitaria disastrose. Il direttore ha consegnato a Halper lo “Scudo del Centro”, come riconoscimento per le sue attività in sostegno dei diritti del popolo palestinese. Il movimento israeliano ICAHD si definisce “un gruppo non violento”, nato per opporsi alle demolizioni delle case palestinesi da parte delle forze di occupazione israeliana. Oltre alla difesa delle abitazioni fornisce anche le informazioni necessarie sulle pratiche di demolizione e il sostegno concreto alle vittime di tali abusi israeliani.

Nel programma delle iniziative di Jeff Halper c’era una conferenza stampa a Gerusalemme.

http://www.contropiano.org