forzare l’embargo con una rotta navale tra Gaza e Cipro

Ieri sera 15 settembre, il portavoce del Comitato popolare contro l’Assedio ha annunciato la creazione della prima rotta marina che collegherà Cipro con la Striscia di Gaza.

 Il Comitato ha ricordato che ad agosto 7 palestinesi sono riusciti a salpare dal porto di Gaza a bordo delle due imbarcazioni del Free Gaza Movement, di ritorno a Cipro, senza “permessi di uscita o di entrata”. I passaporti dei cittadini sono stati timbrati dalle autorità portuali palestinesi.

La compagnia che collegherà Gaza con Cipro si chiamerà “Aloha Palestine Aloha” e trasferirà pazienti, studenti e persone bloccate fuori dalla Striscia.

La giornalista britannica Lauren Booth, cognata dell’ex premier Tony Blair e una dei nove attivisti del Free Gaza bloccati nella Striscia (sia Israele sia l’Egitto hanno negato loro l’autorizzazione a lasciare l’area), ha dichiarato che il porto di Gaza è ora “libero di ricevere navi da tutto il mondo” e ha aggiunto che sono stati raccolti migliaia di dollari per finanziare i viaggi dei gazesi al di fuori della Striscia.

http://www.infopal.it