Garante minori Filomena Albano sequestrata per un’ora in un centro di accoglienza in Puglia

Roma. La garante nazionale per l’infanzia e l’adolescenza, Filomena Albano, insieme con altre persone, è stata sequestrata ieri all’interno della comunità per minorenni stranieri non accompagnati di Cassano delle Murge (Bari) mentre stava effettuando un giro di incontri in Puglia. Il sequestro è durato circa un’ora e sono stati i carabinieri a liberare le persone costrette a rimanere chiuse nella struttura dove ci sono circa 30 ragazzi provenienti prevalentemente da Gambia, Nigeria ed Egitto.

Filomena Albano era accompagnata dal garante regionale dei diritti dei minori, Rosy Paparella. Mentre gli operatori e le garanti erano nella sala riunioni del centro governativo l’accoglienza per minori non accompagnanti in compagnia anche dei ragazzi ospiti della struttura, è scoppiata la protesta. I minorenni hanno cominciato ad urlare e alcuni avrebbero minacciato di morte la responsabile del centro, circondando la delegazione. Quando le garanti e le persone che le accompagnavano hanno tentato di uscire, i ragazzi hanno circondato le auto impedendo alla delegazione di allontanarsi dal centro. Uno dei componenti la delegazione ha chiamato i carabinieri che sono giunti riuscendo dopo trattative con i minorenni,
durate circa un’ora, a calmare gli animi e a liberare la garante nazionale e le persone che la accompagnavano.
«Ci fanno mangiare, ci fanno dormire, ma noi non andiamo a scuola», urlavano i ragazzi «Non facciamo niente, non vediamo nulla per il nostro futuro».