Alfano: Stefano Cucchi è morto per una caduta

MORTE ACCIDENTALE DEL DETENUTO CUCCHI

Notizia del Giorno

Stefano Cucchi, 31 anni, sarebbe morto in carcere per una caduta. Lo dice il Ministro della Giustizia Alfano. “Se anche fosse vero – dice l’avvocato di Stefano – perchè avrebbe rifiutato le cure e il cibo?”.

 

Una caduta accidentale e il rifiuto di ospedalizzarsi fra le cause della morte di Stefano Cucchi, il 31enne arrestato e portato al carcere romano di Regina Coeli per possesso di marijuna e morto pochi giorni nel reparto detentivo dell’ospedale Pertini. Questo quanto è emerso dalla relazione del ministro della Giustizia Angelino Alfano, nel question time alla Camera. Il guardasigilli ha avviato accertamenti sulla  morte Cucchi, avvenuta nella notte nella notte tra le 22 e il 23 ottobre scorsi.

Secondo quanto riferito dal ministro, lo stesso detenuto avrebbe riferito di essere caduto: “Se anche Stefano Cucchi avesse detto di essere caduto, le ferite sul suo corpo parlano da sole e bisogna accertare la verità dei fatti – dice ai microfoni di CNRmedia il legale della famiglia di Stefano Cucchi, l’avvocato Fabio Anselmo – Se poi c’è qualcuno che dice che si sarebbe suicidato, rifiutando le cure, non bevendo e mangiando, bisogna allora ipotizzare un altro caso di coscienza etica? Lasciamo morire un 31enne che si rifiuta di curarsi e di alimentarsi? Se questo può essere sostenuto, ne prendiamo atto”.

(CNR Media – 28/10/09)